Vai al contenuto della pagina

27 luglio, "Essere Sinti e Rom: l'impegno culturale. Se ne parla al MEIS"

Il MEIS promuove un incontro per sensibilizzare alla conoscenza degli importanti contributi culturali che Sinti e Rom, come altre minoranze storicamente vittime di discriminazioni e persecuzioni, portano alla società italiana.

L'appuntamento, a ingresso gratuito, è in calendario alle 11.00 di venerdì 27 luglio, presso la sede del Museo (Via Piangipane 81, Ferrara), con questo programma:

Indirizzi di saluto

Michele Campanaro, Prefetto di Ferrara
Chiara Sapigni, Assessore alla Sanità, ai Servizi alla persona e alle Politiche familiari del Comune di Ferrara
Dario Disegni, Presidente del MEIS

Coordina Simonetta Della Seta, Direttore del MEIS

Intervento di Davide Casadio, Presidente dell'Associazione nazionale Sinti Italia e della Federazione Rom e Sinti Italia

Guido Vitale, Direttore di Pagine Ebraiche, presenta Mondes tsiganes. La fabrique des images. Une histoire photographique, 1860-1980, la grande mostra in corso a Parigi sulle comunità nomadi

Magda Iazzetta, docente dell'Istituto Comprensivo "Dante Alighieri", legge due brani di Ceija Stojka, tratti da Forse sogno di vivere. Una bimba Rom a Bergen-Belsen (Giuntina, Firenze, 2007) e dal discorso pronunciato nel 2012 nel corso di un'udienza concessa da Benedetto XVI a tremila Sinti e Rom europei

Il regista Ruggero Gabbai racconta il suo film Cici daci dom, noi zingari d'Italia (1998)

La violinista Lucilla Rose Mariotti esegue la ballata gypsy per violino solo Dža more della compositrice ceca Sylvie Bodorová

Altre news

Questo sito usa i cookie per fornire parte dei suoi servizi, per maggiori informazioni sui cookie clicca qui, continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.