Vai al contenuto della pagina

3 novembre, "1938 - Quando scoprimmo di non essere più italiani". Il film documentario di Pietro Suber a Ferrara

Sabato 3 novembre, alle ore 21.00, appuntamento al Cinema Santo Spirito (Via della Resistenza 7, Ferrara) per la proiezione del film documentario di Pietro Suber 1938 - Quando scoprimmo di non essere più italiani, che il MEIS presenta e patrocina in occasione dell'80° anniversario della promulgazione delle leggi razziali.

L'evento è organizzato in collaborazione con l'Istituto Luce, produttore della pellicola, e con l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara (ISCO).

Introdotti da Anna Maria Quarzi, Direttore di ISCO, intervengono il regista e uno dei testimoni presenti nel film, il ferrarese Cesare Finzi.

Il film documentario ricostruisce le vicende che portarono dalle leggi antiebraiche alla deportazione degli ebrei italiani (1943-1945) attraverso cinque storie raccontate in gran parte dai diretti protagonisti. Conosciamo così una famiglia di ebrei fascisti (gli Ovazza) che fu massacrata sul Lago Maggiore nell’autunno del 1943. Poi un ebreo del ghetto di Roma, ‘Moretto’, che decise di lottare contro la persecuzione e riuscì a salvarsi flirtando con la nipote di un collaborazionista fascista. Quindi il ferrarese Franco Schonheit e i suoi genitori, tutti sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. Un'ebrea di Fiume che scampò alla morte nascondendosi in casa di un incisore del Vaticano. Fino a una famiglia di presunti delatori fascisti.

A parlare non sono, quindi, solo le vittime e i perseguitati, ma anche i persecutori. Con loro gli altri testimoni, cioè quella stragrande maggioranza di italiani che non aderì alle leggi razziali, ma neppure vi si oppose.

Oltre alle testimonianze, il racconto procede attraverso immagini d’archivio e documenti d’epoca pubblici e privati, per concludersi su ciò che rimane oggi di uno dei periodi più oscuri della storia italiana recente.


Pietro Suber

Giornalista e documentarista. Dopo aver lavorato per molti anni a “Matrix” (Mediaset), attualmente è autore e caporedattore del programma “Viva l’Italia” (Mediaset), condotto da Gerardo Greco. Ha iniziato la sua carriera con Rai Tre (“Un giorno in pretura” e “Samarcanda”), Rai Uno (per i programmi di Sergio Zavoli) e scrivendo per la Repubblica e Il Messaggero. Alla Rai e a Mediaset si è occupato per molti anni di cronaca giudiziaria e di mafia. Per “Moby Dick” (Mediaset), di Michele Santoro, ha seguito il conflitto in Kosovo nel ’99. Successivamente le guerre in Afghanistan, in Iraq, in Libia e Ucraina (per il Tg5). Nel 2004 ha pubblicato per Laterza il saggio Inviato di guerra. Verità e menzogne, sulla manipolazione dell’informazione in guerra. Nel 2007 ha vinto il premio Saint Vincent con un reportage sul cambio di sesso in Iran.

Ha vinto tre volte il premio Ilaria Alpi, l’ultima volta nel 2008 con un documentario sulla crisi economica e il boom della psicoanalisi in Argentina. Gli ultimi documentari (Meditate che questo è stato, 1938 – Quando scoprimmo di non essere più italiani) riguardano il tema della Shoah e delle leggi razziali. Dal 2013 è vicepresidente dell’Associazione Carta di Roma, che si occupa del rapporto tra media italiani e immigrazione.

Altre news

Questo sito usa i cookie per fornire parte dei suoi servizi, per maggiori informazioni sui cookie clicca qui, continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.