Go to the page content

#OLTREILMUSEO Un Armadio mobile, l'Aron Ha-Qodesh di Torino

In attesa della mostra, “Oltre il ghetto. Dentro & Fuori”, il MEIS propone una serie di appuntamenti virtuali di approfondimento. L'esposizione ripercorre il periodo che va dai ghetti (con l'istituzione del primo, quello di Venezia nel 1516) all'Emancipazione e l'Unità d'Italia: un percorso che affronta tematiche identitarie universali attraverso opere d'arte, preziosi volumi e documenti.

Le quattro curatrici, Andreina Contessa, Simonetta Della Seta, Carlotta Ferrara degli Uberti e Sharon Reichel racconteranno i segreti della mostra scegliendo alcuni degli oggetti protagonisti. L’incontro - che si svolgerà via Zoom - prevede anche la possibilità di fare domande per chiedere ulteriori informazioni e curiosità. 

Martedì 15 dicembre alle 19.00, Sharon Reichel racconta la storia di un oggetto emblematico: l'Aron Ha-Qodesh (l'Armadio Sacro usato per contenere i rotoli della Torah) proveniente da una delle sinagoghe del ghetto di Torino.

 Esso diventerà un simbolo dell'uguaglianza acquisita e dell'ingresso in una società dove, pur mantenendo la propria identità, gli ebrei potevano essere finalmente cittadini. Dopo la fine della segregazione forzata e una volta raggiunta l'emancipazione, gli ebrei torinesi nel 1884 decisero di donarlo alla Città e al Museo Civico. L'armadio, di cui è rimasta la porta a due battenti, dal 2010 è esposto negli ambienti della Comunità Ebraica di Torino.

Per iscriverti clicca qui

IL LINK PER ACCEDERE VERRÀ INVIATO PRIMA DELL'INIZIO DELL'EVENTO

(Nell'immagine: Aron Ha-Qodesh, porta a due battenti, Armadio Sacro, fine del XVIII-inizio del XIX secolo, Torino, Palazzo Madama - Museo Civico d'Arte Antica, in comodato presso la Comunità Ebraica di Torino)

Other news

This website uses cookies in order to provide you with some of its services. For further info on cookies, please click here. By proceeding with the navigation on this website, you consent to the use of said cookies.