Vai al contenuto della pagina

LA SHOAH IN ITALIA

LA SHOAH IN ITALIA

In Italia, la persecuzione antiebraica si articolò in due fasi crescenti e tra loro tristemente collegate: prima prendendo a bersaglio i diritti degli ebrei, con la proclamazione delle leggi razziali del 1938, in pieno regime fascista, e poi colpendoli fisicamente con arresti, deportazioni e stragi per mano dei fascisti e dei tedeschi, che dopo l’8 settembre 1943 avevano occupato l’Italia centro-settentrionale. 

Nel 1938, l’introduzione delle leggi razziali fu un gravissimo atto di politica interna, varato dal Parlamento italiano al culmine di una forte campagna antisemita del regime fascista.

La persecuzione antiebraica fu fortemente voluta da Benito Mussolini e coinvolse l’intera società. Ebbe per oggetto, per la prima volta nella storia dell’Italia unita, una parte dei cittadini dello Stato, e li colpì con una violenza e una radicalità normative inedite. Partì non a caso dalle scuole, discriminando alunni e insegnanti, il cuore della società civile.

Dopo l’8 settembre 1943, l’Italia si trovò divisa nella zona controllata dagli Alleati e dal Regno d’Italia (regioni meridionali e insulari), dove nazisti e fascisti non poterono introdurre nuove misure antiebraiche, e nelle regioni nord-orientali, dove invece la persecuzione fu gestita in modo via via crescente sia dai fascisti che dagli occupanti tedeschi. Una politica che portò a braccare gli ebrei, vittime anche di numerose delazioni.

L’azione antisemita prese particolare impulso quando il Ministro dell’Interno dispose l’arresto e l’internamento di tutti gli ebrei in campi di concentramento, e il prelievo dei loro beni. La polizia tedesca deportò subito gli ebrei arrestati, ma ben presto la Repubblica Sociale Italiana allestì un campo nazionale di raccolta e transito a Fossoli (da dove partivano convogli periodici verso Auschwitz), quindi a Gries e nella Risiera di San Sabba.

Quasi 9.000 ebrei vennero arrestati nel territorio italiani, oltre 300 vennero uccisi nella penisola e gli altri deportati e sterminati nei campi nazisti. 

Altri contenuti

EBREI ITALIANI
Questo sito usa i cookie per fornire parte dei suoi servizi, per maggiori informazioni sui cookie clicca qui, continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.