Vai al contenuto della pagina

Didattica

Il MEIS rivolge un’attenzione speciale alla didattica sia verso gli adulti che verso i bambini, in particolar modo verso le scuole, per le quali ha firmato nel 2017 un protocollo di intesa con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca che prevede anche l’organizzazione di conferenze, seminari, viaggi e alternanza scuola-lavoro per le classi superiori.

Le attività attualmente proposte dal Museo comprendono i seguenti moduli:

 

  • Italya, viaggio nei primi mille anni di storia ebraica in Italia

Destinatari: adulti e scuole secondarie di I e II grado.

Obiettivi didattici: comprendere e approfondire la storia degli ebrei, specialmente degli ebrei italiani, e orientarsi nella cronologia degli avvenimenti storici legati agli ebrei.

Durata: 90 minuti per gli adulti e 75 minuti per le scuole, più 24 minuti di visione dello spettacolo multimediale “Con gli occhi degli ebrei italiani”.

La visita guidata si suddivide in due parti: nella prima, prendendo spunto dagli oggetti del percorso espositivo “Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni”, viene approfondita la vicenda ebraica dall’impero romano alla distruzione del Tempio di Gerusalemme, fino all’arrivo in Italia; nella seconda, gli studenti giocano ad accostare su una linea del tempo avvenimenti e date, per ricostruire il percorso storico svolto in precedenza.

 

  • La legge non è uguale per tutti

Destinatari: adulti e scuole secondarie di I e di II grado.

Obiettivi didattici: conoscere e comprendere l’origine del pregiudizio antisemita; riconoscere le dinamiche che possono portare alla privazione dei diritti e all’esclusione sociale.

Durata: 90 minuti per gli adulti e 75 minuti per le scuole, più 24 minuti di visione dello spettacolo multimediale “Con gli occhi degli ebrei italiani”.

Il laboratorio analizza le regole imposte agli ebrei da Teodosio con l’editto di Tessalonica, nel 380, le ripercussioni sulla storia dei secoli successivi e l’influsso sul pregiudizio antigiudaico, per poi focalizzarsi sulle leggi che hanno privato gli ebrei dei propri diritti sotto il nazi-fascismo: dalla propaganda antisemita alle leggi di Norimberga e al concetto di purezza razziale sotto la dittatura nazista. A conclusione del percorso, una riflessione sul concetto di uguaglianza dei diritti, dall’illuminismo alle costituzioni moderne.

 

  • Liberi tutti!

Destinatari: scuole secondarie di I e di II grado.

Obiettivi didattici: interrogarsi sulla percezione dei limiti imposti dalla società e sperimentare l’uso della conoscenza dell’alterità per esplorare antichi e nuovi modelli di libertà intellettuale.

Durata: 75 minuti, più 24 minuti di visione dello spettacolo multimediale “Con gli occhi degli ebrei italiani”.

Partendo dalla storia contemporanea degli ebrei e dall’intreccio con la storia dell’ex carcere di Ferrara, dove ora sorge il MEIS, il laboratorio porta a ragionare su come in un luogo di reclusione possano nascere e radicarsi idee democratiche e di partecipazione sociale.

 

  • Mangio dunque sono. La kasherut alimentare

Destinatari: scuole primarie e scuole secondarie di I e di II grado.

Obiettivi didattici: conoscere le principali regole alimentari ebraiche e coglierne le ricadute sociali e di sostenibilità territoriale.

Durata: 75 minuti, più 24 minuti di visione dello spettacolo multimediale “Con gli occhi degli ebrei italiani”.

Il laboratorio introduce gli studenti alle regole alimentari ebraiche e alle loro origini, invitandoli poi a pensare a piatti della tradizione della loro terra rispondenti alle regole apprese e a ripercorrerne la storia. Al termine dell’attività, sono invitati a elaborare il menu ideale di un ipotetico ristorante kasher e sostenibile.

 

  • Il calendario ebraico

Destinatari: scuole primarie

Obiettivi didattici: conoscere le principali festività ebraiche e la specificità del calendario ebraico.

Durata: 75 minuti, più 24 minuti di visione dello spettacolo multimediale “Con gli occhi degli ebrei italiani”

L’attività si suddivide in due parti: dapprima, visitando la mostra, i bambini scoprono che alcuni degli oggetti esposti parlano delle principali ricorrenze ebraiche; nella seconda parte, per aiutarli a fissare i contenuti acquisiti, gli alunni sono invitati a fare un gioco dell’oca sul tema delle feste ebraiche.

 

Info e prenotazioni:

Tel. 848082380

prenotazioni@coopculture.it

Questo sito usa i cookie per fornire parte dei suoi servizi, per maggiori informazioni sui cookie clicca qui, continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.